Curriculum

Curriculum

about-1

ELDA OLIVIERI

Attrice di prosa, nasce, vive e lavora a Milano.

Socia fondatrice della Cooperativa Teatro degli Eguali, socia della Cooperativa Adc - attori, doppiatori cinematografici di Milano dal 1983 al 2003, associata Adap, associazione che riunisce gli speaker pubblicitari, socia fondatrice nel 2009 dell’associazione EquiVoci Musicali.

Premio Franco Enriquez 2007 per lo spettacolo - Vita Virginia, dai carteggi e dai diari di Virginia Woolf e Vita Sackville-West - da lei scritto, diretto ed interpretato. Nel 2011, forte di una vasta competenza acquisita in lunghi anni di lavoro al microfono, affina le capacità di modulazione della voce e delle emozioni, a favore della comunicazione e dell’espressività e fonda Lessico Armonico. Lo scopo è quello di diffondere la cultura attraverso frammenti dell’universo femminile, nella ricerca di una formula nuova per proporre l’ascolto dalla parola scritta. Il lessico si fa armonico per avvicinare e coinvolgere il pubblico, in una riflessione comune su argomenti che toccano tutti: gli avvenimenti storici, gli affetti, la famiglia, l’impegno civile e sociale.

Nei suoi 30 anni di attività, intrapresa in età giovanissima, spazia dal teatro alla televisione, dagli sceneggiati radiofonici alla pubblicità, dal doppiaggio per cinema e televisione alla direzione di doppiaggio per Rai, Cecchi Gori, Medusa Film, Istituto Luce, le principali emittenti televisive terrestri e satellitari e per il cinema. Ha lavorato in teatro e in televisione al fianco di alcuni dei più importanti interpreti della storia dello spettacolo: da Rossano Brazzi a Ugo Pagliai, da Andrea Giordana a Milena Vukotic, da Ernesto Calindri a Ottavia Piccolo, da Eros Pagni e Giancarlo Dettori, da Nando Gazzolo a Giuseppe Pambieri, da Tullio Solenghi a Gioele Dix e diretta da registi di fama internazionale: da Dario Fo a Antonio e Andrea Frazzi, da Giancarlo Nicotra a Renzo Martinelli e Gianpaolo Tescari, da Lorenzo Salveti a Marco Parodi.

Dal 2001 al 2010 collabora con De Mas & Partners in qualità di direttrice del doppiaggio, per alcune delle loro più importanti coproduzioni con RAI Fiction di disegni animati: Cocco Bill - Anna e le sue storie - Streetfootball. A partire dal 2013 assume la direzione artistica degli studi di doppiaggio Logos di Milano e dirige serie di prestigio per i canali Sky Arte, Cartoon Network, Boing, DeaKids.

Sua la direzione del doppiaggio del film di Aldo Giovanni e Giacomo: Il Cosmo sul comò - Regia di Marcello Cesena - Produzione Medusa Film 2008 e di Note di speranza con Walter Nudo - Regia di Valerio Zanoli - presentato al Festival di Venezia 2010 dove ha vinto il premio per l’impegno sociale. Nel 2012 dirige il doppiaggio dei film - Tutti giù - regia di Niccolò Castelli prodotto da Imago Film e presentato con successo al Festival di Locarno e il film documentario Pianeta Oceano - di Yann Arthus-Bertand - Produzione Universal in uscita nelle sale nel 2013. Tra il 2014 e il 2015 è stata impegnata, fra le altre produzioni per le più importanti emittenti televisive, nella direzione del doppiaggio della nuova serie RAI DISNEY sullo storico personaggio Calimero. Sua la voce della fidanzatina Priscilla.

Dal 2002 partecipa regolarmente agli sketch televisivi per la trasmissione di RAI 2 - Quelli che il calcio, sia come attrice, sia come voce fuori campo e per i servizi giornalistici di - Italia sul 2 - e - Pomeriggio sul 2. Nota e apprezzata “voce” di volti e personaggi famosi: Fanny Ardant in “L’anno del Diluvio”, Charlotte Rampling in “Riposerò quando sarò morto”, Carmen Chaplin in “Day on fire”, Calista Flockhart in “Ally Mc Beal”, Shelley Long in “Chears”, Judy Garland in “Il Mago di Oz”, solo per citarne alcuni.

Sua la voce di Lara Croft, l’eroina del famoso videogame e di numerose campagne pubblicitarie, prima fra tutte, Andie McDowell per L’Oreal.

Coach personale di recitazione e docente di doppiaggio e pubblicità, presso alcuni dei più importanti studi di Milano, presso il CSC - centro sperimentale di cinematografia di Milano e il CISA di Lugano.

LESSICO ARMONICO debutta nel 2012 in prima assoluta con lo spettacolo - Non toccare mia sorella - tratto da “Lividi-storie di donne ferite” di Laura Romano. Un percorso drammaturgico, attraverso le testimonianze di cinque donne, sulla violenza fisica e psicologica da loro subita. Sempre nel 2012: Racconti di Natale - di Dino Buzzati. Affresco per parole e note con il trio di Franco Cerri. Un viaggio nel mondo dello scrittore ma anche un percorso della memoria, nel vissuto e nell’opera del maestro del jazz Franco Cerri, con i suoi ricordi e la sua musica. Nel 2013: Piccolomondomio - performance mostra/installazione in collaborazione con DEINDE teatro e danza. Le difficoltà di comunicazione con una particolare riflessione sull’autismo. Il 25 novembre 2013, in occasione della giornata internazionale per contrastare la violenza sulle donne, al Teatro Dal Verme di Milano, con il patrocinio della Provincia di Milano e il sostegno del Provveditorato agli Studi di Milano, ripropone lo spettacolo Non toccare mia sorella dal quale partirà un progetto interamente dedicato alle scuole. Un percorso di approfondimento e di prevenzione sui temi affrontati nello spettacolo.

Nel 2014: Tutto per essere felice - di Erich E. Schmitt. In una moderna Parigi, l’intricata storia di Isabelle alla quale solo apparentemente non manca nulla per essere felice. Ma le apparenze si sa, a volte possono ingannare. Accompagnata da Flaviano Braga - fisarmonica e bandoneon - sulle note di Edith Piaf, Yann Tiersen, Astor Piazzolla, Gorni Kramer.

Nel 2015: Etty Hillesum - un cuore pensante da Amsterdam ad Auschwitz 1941-1943. Un progetto per il giorno della memoria: lettere e pagine di diario di una fra le voci testimoni più intense della Shoha. Lo spettacolo è corredato da filmati, canti e musiche ebraiche a cura di Yevgenia Kiniagar - pianoforte e canto e Giovanni Iazzarelli - flauto traverso.

Sempre nel 2015: Adele Pergher - Profuga dall’omonimo romanzo di Raffaella Calgaro. Lo spaccato di vita di una giovane donna costretta alla profuganza, da Asiago a Milano, durante la Grande Guerra e il raggiungimento di una straordinaria emancipazione. Foto d’epoca dall’archivio storico Bonomo. Flaviano Braga alla fisarmonica e Ernesto Ghezzi alle tastiere.
E ancora nel 2015: Rilettura e libero adattamento dello splendido Premio Strega 2009 di Tiziano Scarpa - Stabat Mater. In scena, oltre a Cecilia, protagonista della vicenda, il suo alter-ego, la violinista Tatiana Reout. Celata dietro le grate dell’Ospitale di Venezia, sottolinea la solitudine della ragazza, lo studio incessante della musica, il soliloquio nella ricerca di una identità, il canto per voce sola di questo straordinario incontro con il maestro Vivaldi.